sabato 20 febbraio 2016


Ho studiato le sue teorie sulla passionalità in semiotica, letto con interesse le sue profezie sui media. Sono rimasta affascinata dai suoi saggi, vagando a braccetto con le sue intuizioni mentre passeggiavamo insieme nei boschi narrativi. L'ho anche visto fare esercizi di stile nella traduzione, ma l'ho ignorato come romanziere, perdendomi invece nelle sue terre e nei luoghi leggendari. Se è vero che le nostre vite sono finite, le nostre idee non periscono mai. 
La vera immortalità è quella di chi ha vissuto tutte le storie che ha letto e scritto. 
Addio, Professor Eco.

Reazioni:

0 commenti:

Follow me on Instagram Follow me on Twitter!